Riecco il vero Birsa, bene i centrali difensivi: i top e il flop del Chievo

Aspetti positivi e negativi della prova gialloblù contro il Palermo.
 di Paolo Lora Lamia  articolo letto 307 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Riecco il vero Birsa, bene i centrali difensivi: i top e il flop del Chievo

TOP

Birsa: Dopo alcune prestazioni non all'altezza, contro il Palermo Birsa è tornato ai livelli di inizio stagione. Dopo che nei primi minuti il Palermo aveva mostrato una buona aggressività, lo sloveno sfrutta al massimo la prima occasione buona depositando il rete il pallone con un perfetto diagonale. Prestazione positiva da parte sue sia in fase di rifinitura - nel corso del primo tempo mette Pellissier davanti a Posavec - che sul piano difensivo. Nella ripresa contribuisce insieme ai compagni ad amministrare il doppio vantaggio. Si riscatta dunque alla grande dopo il rigore sbagliato contro il Genoa.

La coppia Gamberini-Dainelli: E' vero che il Palermo sul piano offensivo non è esattamente la squadra più pericolosa della Serie A, ma oggi grandi meriti della poca efficacia offensiva rosanero va ai centrali difensivi clivensi. Dainelli e Gamberini infatti si oppongono ottimamente ad ogni incursione in area da parte del Palermo, non consentendo al centravanti Nestorovski di rendersi mai pericoloso. I due centrali difensivi gialloblù si confermano quindi una straordinaria diga determinante per i successi della squadra di Maran.

FLOP

Difficile trovare un giocatore autore di una prestazione insufficiente oggi contro il Palermo. La squadra infatti è stat ordinata in fase difensiva nei momenti di maggior pressione da parte dei rosanero e cinica davanti, come non era stata in qualche esibizione precedente. Forse qualche contropiede poteva essere gestito meglio e la squadra di è eccessivamente abbassata nel finale, ma si tratat di piccolezze in una partita vinta con pieno merito.