Birsa da applausi, saracinesca Sorrentino: i top e i flop del Chievo

Questi gli aspetti positivi e negativi del Chievo nel match vinto ieri sera contro l'Inter.
 di Paolo Lora Lamia  articolo letto 688 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Birsa da applausi, saracinesca Sorrentino: i top e i flop del Chievo

TOP:

Birsa: Inizio col botto per il trequartista sloveno, che segna alla prima di campionato come nella scorsa stagione. Stavolta i gol sono addirittura due e contro una grande come l'Inter. Oltre alle due belle e preziose reti che hanno deciso la partita Birsa non si è risparmiato in fase di non possesso, aiutando la squadra ed essendo sempre tra i primi giocatori a pressare gli avversari impendendo loro di costruire gioco. A pochi minuti dalla fine, Maran lo richiama in panchina concedenogli una merritatissima standing ovation. Prestazione davvero superlativa.

Sorrentino: Dopo le polemiche derivate dal suo ritorno in gialloblù, l'esperto portiere ha risposto sul campo ed è risultato determinante per la vittoria clivense. Dopo 16 minuti, quando l'Inter sembrava poter prendere in mano la partita, compie un autentico miracolo su conclusione di Ranocchia sugli sviluppi di un corner. Nella ripresa impedisce ai nerazzurri di rientrare in partita respingendo una conclsuone di Kondogbia e un possibile cross pericoloso in area di Nagatomo. Sorrentino si è ripreso il Chievo, presto i tifosi torneranno ad applaudirlo.

Dainelli: Torna in campo dopo un lungo infortunio e festeggia la presenza numero 400 in Serie A con una prova sontuosa. Guida la difesa con autorità e vince per distacco il duello con i quotati attaccanti nerazzurri Icardi e Eder. Il Chievo ha ritrovato un leader importante.

FLOP:

Difficile trovare qualccosa che non va in una serata in cui il Chievo ha avuto la meglio sull'Inter in maniera meritata e senza correre troppi pericoli. Nonostante le loro prestazioni siano state comunque molto positive, gli attaccanti sono stati più utili nel lavoro sporco che in fase di conclusione - Meggiorini ha avuto una grande occasione nel primo tempo e non l'ha sfruttata - e Castro non si è inserito in avanti con la continuità mostrata nella scorsa stagione. Piccolezze comunque, in una prestazione importante da parte di tutta la squadra.