Profondo gialloblù: Chievo battuto 4-1 dalla Roma all'Olimpico

Pesantissima sconfitta per il Chievo in trasferta contro la Roma.
 di Paolo Lora Lamia  articolo letto 518 volte
© foto di www.imagephotoagency.it
Profondo gialloblù: Chievo battuto 4-1 dalla Roma all'Olimpico

Un’altra gara contro una big, con la speranza di avere più cinismo sotto porta e più fortuna rispetto a match contro l’Inter. Il Chievo arriva con questo spirito alla partita di oggi contro la Roma, attualmente terza in classifica. 5-3-2 per Maran, con Radovanovic ormai stabilmente centrale della difesa a tre, Castro che torna titolare dal primo minuto e Inglese-Puccciarelli confermata come coppia d’attacco. Di Francesco risponde con il 4-3-3, facendo riposare qualche titolare in vista del match di Champions League contro il Liverpool.

La prima occasione è per il Chievo al sesto minuto: Inglese riceve palla spalle alla porta e serve Castro, che conclude scheggiando l’incrocio dei pali. I gialloblù ci riprovano due minuti dopo, con una conclusione di Inglese - su suggerimento dalla destra di Depaoli - che non impensierisce più di tanto Alisson. L’inizio sembra essere favorevole alla squadra di Maran ma, alla prima occasione, la Roma passa in vantaggio: siamo al nono minuto, quando Nainggolan conquista un pallone sulla sinistra e lo mette in mezzo per Schick, che non sbaglia a due passi da Sorrentino. Giallorossi ad un passo dal raddoppio solo due minuti più tardi, con un colpo di testa di Fazio - sugli sviluppi di una punizione dalla trequarti destra - che si stampa sul palo. Successivamente, Sorrentino respinge il pallone con i piedi evitando così il tapin di un avversario. Il Chievo è in confusione totale e la Roma ne approfitta segnando il 2-0 con El Shaarawy: rete però annullata per fuorigioco dell’attaccante romanista. Dopo un paio di corner guadagnati e non sfruttati dal Chievo, la Roma si fa nuovamente minacciosa in area avversaria al ventesimo, con una conclusione di Schick - su sponda di Dzeko - respinta da Sorrentino. Piove sul bagnato per la squadra di Maran, che al ventisettesimo perde per infortunio Depaoli dopo uno scontro di gioco con Kolarov: al posto dell’ex Primavera gialloblù entra Jaroszynski. Altra grande occasione per la Roma al minuto 28’: palla in area per El Shaarawy che prova la conclusione a giro con il destro, colpendo il secondo legno della partita per la sua squadra. La Roma continua a tenere in apprensione la retroguardia clivense e, a cinque minuti dall’intervallo, firma il 2-0: perfetto cross dalla sinistra di Kolarov per Dzeko, che anticipa Radovanovic e batte Sorrentino. Il primo tempo termina dopo due minuti di recupero, con la squadra di casa avanti di due reti.

Secondo cambio per il Chievo ad inizio ripresa, con Gamberini che prende il posto di Bani. Roma pericolosa in due circostanze al cinquantesimo con Dzeko, fermato entrambe le volte da Sorrentino. Al minuto 56’ avviene un episodio che può cambiare le sorti del match: Inglese, a tu per tu con Alisson, viene atterrato da Bruno Peres. L’arbitro concede il rigore al Chievo ed espelle il brasiliano per chiara occasione da gol. Dal dischetto si presenta il numero 45 clivense, che si fa parare la conclusione da Alisson. Dopo tale episodio, Di Francesco mantiene la difesa a 4 facendo entrare Manolas al posto di Schick. L’espulsione non sembra aver spaventato la Roma, che al sessantunesimo sfiora il 3-0 con una conclusione di Kolarov terminata di poco sul fondo. Il terzo gol giallorosso arriva comunque quattro minuti più tardi, grazie ad uno straordinario coast to coast di El Shaarawy che entra in area e non lascia scampo a Sorrentino. Il Chievo non ha neanche il tempo di riordinare le idee per provare un’improbabile rimonta che, un minuto dopo il 3-0, arriva la quarta rete della Roma grazie ad una conclusione vincente dal limite dell’area da parte di Dzeko. Nella parte finale del match la Roma gestisce agevolmente il largo vantaggio, provando in qualche circostanza a pungere ancora in fase offensiva. A due minuti dal novantesimo, sugli sviluppi di un corner, Inglese firma di testa il gol del 4-1: rete della bandiera, che compensa in parte l’errore dal dischetto. E’ l’ultima emozione della gara, che si conclude con la vittoria della Roma per 4-1.

I giallorossi conservano il terzo posto e arrivano nel migliore dei modi alla semifinale di ritorno di Champions League. Chievo autore di una prestazione decisamente negativa e sempre più nei guai in chiave classifica. Bruttissimo segnale da parte della squadra di Maran, in vista delle ultime tre giornate di campionato.  Questo il tabellino del match:

Roma-Chievo 4-1

Marcatori: 8’ pt Schick, 40’ pt Dzeko, 20’ st El Shaarawy, 21’ st Dzeko, 42’ st Inglese.

A.S. Roma: Alisson, Peres, Fazio, Juan Jesus, Kolarov; Pellegrini Lo. (33’ st Gonalons), De Rossi, Nainggolan; Schick (15’ st Manolas), Dzeko (38’ st Gerson), El Shaarawy. A disposizione: Lobont, Skorupski, Silva, Pellegrini Lu., Capradossi, Florenzi, Under. Allenatore: Eusebio Di Francesco.

A.C. ChievoVerona: Sorrentino, Depaoli (27’ pt Jaroszynski), Bani (1’ st Gamberini), Tomovic, Cacciatore; Radovanovic, Rigoni, Hetemaj, Castro (34’ st Birsa); Pucciarelli, Inglese. A disposizione: Seculin, Confente, Cesar, Dainelli, Gobbi, Giaccherini, Bastien, Stepinski, Pellissier. Allenatore: Rolando Maran.

Arbitro: Sig. Gianpaolo Calvarese di Teramo.

Ammoniti: Kolarov, Hetemaj, Birsa, Nainggolan.

Note: al 10’ st espulso Juan Jesus per fallo su Inglese in area di rigore. Al 13’ st Alisson para un calcio di rigore a Inglese.