Non basta la magia di Meggiorini: a Pisa arriva l'ennesimo pareggio

Il Chievo prosegue con il suo andamento lento, mancando ancora una volta l'appuntamento con la vittoria fuori casa: con il Pisa finisce 1-1.
09.02.2020 17:25 di Paolo Lora Lamia   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Non basta la magia di Meggiorini: a Pisa arriva l'ennesimo pareggio

Uscire dal limbo e tornare a respirare l’aria dell’alta classifica in Serie B. Il Chievo si presenta così in vista della trasferta di Pisa, squadra temibile e reduce da 4 risultati utili consecutivi. Marcolini lancia dal primo minuto Ceter, in coppia con Meggiorini e torna a schierare Giaccherini titolare nel ruolo di interno sinistro. Sulla trequarti al talentuoso Vignato viene preferito Garritano.

Spinto dal calore del tifo, il Pisa comincia subito ad attaccare e sfiora il gol su punizione al 4′, con la conclusione di Gucher deviata in angolo da Semper. Sembra l‘ennesimo inizio timido del Chievo, che invece passa all’8′: Leverbe pesca sulla sinistra Giaccherini, che rientra sul destro e serve a centro area Meggiorini. Stupenda semirovesciata dell’attaccante clivense e pallone alle spalle di Gori. Reazione immediata dei padroni di casa, con una conclusione di Benedetti, dopo una corta respinta della difesa avversaria, che termina alta sopra la traversa. La giornata magica di Meggiorini termina però troppo presto. Al 19′ l’attaccante deve abbandonare in campo al 19’ per un problema muscolare: al suo posto entra Djordjevic. Nonostante questa defezione, il Chievo continua a premere: al 26′ cross dalla sinistra di Renzetti, colpo di testa di serge respinto miracolosamente da Gori, si avventa sul pallone Ceter che, da due passi, non inquadra la porta. Gialloblù aggressivi e veloci nel proporsi in avanti con azioni manovrate, come non accadeva da tempo. Altra palla gol al 34′: Esposito per Ceter, pallonetto a scavalcare Gori in uscita e palla tolta dalla porta da Caracciolo. Nel finale del primo tempo il Pisa si porta più frequentemente nella metà campo avversaria. Al 43′ Gucher prova il tiro da fuori e trova una deviazione in corner. Sugli sviluppi dell’angolo Masucci intercetta il pallone e prova un diagonale, che sfiora il palo alla sinistra si Semper. L’ultima palla gol prima dell’intervallo è di Djordjevic, che apre troppo l’interno del piede sinistro e spedisce fuori su assistenza di Giaccherini.

Il Chievo comincia la ripresa con al voglia di segnare il 2-0 fallito in più occasioni nel primo tempo. Al 48′, su corner di Esposito, stacca Segre di testa e spedisce il pallone fuori di poco. La riposta pisana arriva da Masucci, che colpisce di testa su lancio dalla metà campo nerazzura e trova la deviazione sopra la traversa di Semper. Con la partita ancora in bilico, D’Angelo si gioca la carta Marconi al minuto 54′: il bomber dei toscani sostituisce Vido. Cambio che in qualche modo porta fortuna al Pisa, in rete al 56′: Lisi riceve palla sul lato corto sinistro dell’area, rientra sul destro e scaraventa un bolide dal limite alle spalle di Semper. D’Angelo capisce che l’inerzia del match è dalla sua parte e, al 61′, inserisce Soddimo al posto di Pinato. Match aperto a qualsiasi risultato come da prassi in Serie B, con entrambe le squadre alla ricerca della vittoria. Al 73′ Gucher pesca sul secondo palo Marconi, che colpisce di testa sfiorando il Palo alla destra di Semper. Marcolini prova ad inserire forze fresche sulla corsia di destra, gettando nella mischia Frey al posto di Dickmann. Due minuti dopo inserisce Vignato, al posto di un Giaccherini che ha dato tutto. D’Angelo risponde gettando nella mischia Moscardelli, che sostituisce Masucci. Finale di partita da cardiopalma e condizionato dall’espulsione di Soddimo, rimediata all’86’ per un pestone ai danni di Leverbe. Il Chievo prova subito ad approfittarne, sfiorando il gol con Djordjevic: Gori rimane freddo a tu per tu con il serbo e si oppone al suo tentativo.

Nel corso del recupero Vignato prova a segnare il gol da tre punti, ma la sua conclusione viene smorzata da un avversario e parata facilmente da Gori. Sempre il talento classe 2000, sugli sviluppi di un corner, prova la botta al volo ma Gucher è appostato sulla linea di porta e respinge il pallone. L’ultimo capitolo di un match intenso e terminato con il punteggio di 1-1. La squadra di Marcolini manca ancora l’appuntamento con la vittoria esterna, così come l’aggancio alle parti nobili della classifica di Serie B.