Giaccherini da urlo: il Chievo torna alla vittoria battendo 2-0 la Salernitana

Il trequartista gialloblù Giaccherini regala tre punti vitali al Chievo con una splendida doppietta: superata la Salernitana dell'ex Ventura.
17.02.2020 23:25 di Paolo Lora Lamia   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Giaccherini da urlo: il Chievo torna alla vittoria battendo 2-0 la Salernitana

Tre punti per svoltare, oltre ad allontanare i fantasmi dalla panchina. Questi i propositi di Michele Marcolini e del suo Chievo, impegnato in casa contro la Salernitana. Gialloblù con Frey al posto di Dickmann nel ruolo di terzino destro, Garritano come interno sinistro e Giaccherini alle spalle della coppia Meggiorini-Djordjevic. Ventura, ex ricordato con non troppo affetto, risponde con un 3-5-2 che prevede due giocatori dal passato clivense: Jaroszynski e Kiyine.

Fin dalle prime battute il Chievo adotta un pressing asfissiante, limitando di molto la costruzione dal basso granata. Il più attivo dei clivensi è Giaccherini, che parte da sinistra per poi convergere e creare grattacapi alla difesa avversaria. Al 13′ Segre conclude verso la porta e trova la deviazione di Djordjevic, che manda la palla sul fondo. Quattro minuti dopo ci prova Obi dalla lunga distanza, con una bordata che termina fuori di poco. Salernitana in difficoltà e che perde per infortunio Cicirelli: al suo posto al 24′ entra Lombardi. Poco dopo questa sostituzione si accende Kiyine, molto timido nei primi minuti. L’ex Chievo arriva sul fondo e serve in area Gondo, che calcia altissimo sopra la traversa. Due minuti dopo arriva l’episodio che può cambiare il match: Leverbe lancia Djordjevic, che sfugge a Jaroszynski e viene buttato giù in area dall’ex compagno. L’arbitro decreta il rigore e, dagli undici metri, Giaccherini spiazza Micai. Il vantaggio porta il Chievo a puntare più sulla compattezza nella propria metà campo che sul pressing asfissiante, cercando comunque di rendersi pericoloso ogni volta che riconquista il pallone. La Salernitana, dal canto suo, non riesce a creare pericoli dalle parti di Semper con azioni manovrate. Ospiti pericolosi però su punizione al 41′, quando Kiyine pesca in area Djuric che di testa manda la palla fuori di poco. L’ultima occasione di un primo tempo che si chiude con i veronesi avanti 1-0.

Poco dopo l’inizio della ripresa, Ventura prova a cambiare qualcosa in avanti gettando nella mischia Jallow – altro ex – al posto di Gondo. Marcolini risponde al 56′, con Ceter al posto di Meggiorini, e quattro minuti dopo dando più qualità alla mediana inserendo Esposito al posto di Obi. Tra i subentrati ottimo impatto di Jallow, che con la sua velocità mette in difficoltà la difesa gialloblù. Soddisfazione effimera per Ventura, che perde Lombardi per infortunio: al suo posto Curzio. Oltre al danno la beffa per i granata, che nello stesso minuto del cambio subiscono il secondo gol: Ceter difende con grinta il pallone e lo serve a Djordjevic, che si allarga sulla sinistra. Il serbo premia l’ennesimo inserimento di Giaccherini, che taglia sul primo palo e infila Micai. Con la forza della disperazione, la salernitana va alla conclusione con Maistro al 78′: provvidenziale l’intervento di Leverbe, che spazza in fallo laterale. Nel finale il Marcolini pensa a gestire il doppio vantaggio, inserendo Vaisanen per un applauditissimo Giaccherini.

Vantaggio che resta fino alla fine, con il Chievo che batte la Salernitana per 2-0. Ossigeno puro per i ragazzi di Marcolini, salto di qualità mancato per i granata.