Chievo povero di idee: gialloblù battuti 2-0 dal Genoa

Prosegue il momento negativo per la squadra di D'Anna.
26.09.2018 22:55 di Paolo Lora Lamia  articolo letto 179 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Chievo povero di idee: gialloblù battuti 2-0 dal Genoa

Riscattarsi dopo una sconfitta pesante: è questo l’imperativo categorico di Genoa e Chievo, che questa sera si sfidano al Ferraris di Genova in un match valido per la 6^ giornata di Serie A. Ballardini schiera la sua squadra con il 3-4-1-2, affidandosi ancora una volta alla coppia d’attacco formata da Piatek e Kouamè. Due cambi da parte di D’Anna rispetto all’undici che ha iniziato la sfida contro l’Udinese, con Hetemaj che rileva Obi e il giovane Leris schierato al posto di Birsa.

Il primo squillo della gara è del Genoa al quarto minuto, con Lazovic che prova servire in area Kouamè ma Rossettini chiude in corner. Un minuto più tardi, il serbo prova la conclusione da fuori area dopo la corta respinta della difesa del Chievo: palla sul fondo. Risponde il Chievo al decimo, con una conclusione di Giaccherini che sfiora il palo alla destra del giovane portiere Radu. Un minuto più tardi è il Genoa a sfiorare il vantaggio: sugli sviluppi di un corner, Spolli trova con una sponda di testa Pandev che conclude da pochi passi, ma Sorrentino gli nega la gioia del gol con un grande intervento. Al minuto 22’, dopo una fase di gioco senza grosse occasioni da entrambe le parti, sale in cattedra Piatek con una conclusione da fuori area che termina alta. Con il passare dei minuti il Genoa conquista sempre più campo, con il Chievo che si chiude per poi provare a ripartire in contropiede. Grifoni vicinissimi al vantaggio al minuto 34’: Piatek conquista un pallone in area, si gira e calcia centrando il palo alla destra di Sorrentino. Il Chievo tira un sospiro di sollievo si riaffaccia in avanti al minuto 39’, con una conclusione di Leris deviata in corner da Radu. Due minuti dopo, su cross dalla sinistra di Giaccherini, Stepinski manda di testa il pallone fuori di poco. Sembra essere un momento favorevole ai veneti e invece, al minuto 42’, è il Genoa a passare in vantaggio: grande galoppata di Lazovic sulla sinistra, passaggio in mezzo per Piatek che trafigge Sorrentino con una conclusione potente e precisa. L’attaccante polacco è davvero in un momento magico e, a pochi istanti dall’intervallo, sfiora il 2-0 di testa sugli sviluppi di una punizione battuta da Romulo. Le due squadre vanno quindi a riposo con i padroni di casa avanti di una rete.

La ripresa inizia senza sostituzioni da parte dei due tecnici e con il Genoa subito alla ricerca del secondo gol. Al minuto 48’, D’Anna perde Tomovic per un problema fisico: al suo posto entra Depaoli. La difesa del Chievo viene così ridisegnata: il nuovo entrato va a giocare sulla fascia destra della difesa, cacciatore si sposta sulla sinistra e Barba scala in mezzo. Il miglior approccio della squadra di Ballardini nel secondo tempo viene premiato al minuto 54’: Pandev avvia l’azione offensiva e la conclude, con un sinistro vincente da dentro l’area su assist di Kouamè. Dopo il secondo gol subito, D’Anna prova ad aumentare la qualità offensiva del Chievo inserendo Birsa al posto di Hetemaj. Ballardini risponde gettando nella mischia Bessa al posto dell’autore del 2-0 Pandev. I gialloblù non riescono a reagire, mentre il Genoa si rende pericoloso ogni volta che si affaccia dalle parti di Sorrentino. Squillo clivense al minuto 69’ quando Stepinski, su perfetto cross dalla destra di Depaoli, manda di testa il pallone sul fondo da buonissima posizione. Al minuto 74’ Ballardini toglie Lazovic – in calo dopo un ottimo primo tempo – e fa entrare al suo posto Zukanovic. Dopo tale sostituzione, il Chievo va vicino al gol con un colpo di testa di Barba – su punizione battuta da Giaccherini – respinta ottimamente da Radu. A 12 minuti dalla fine, arriva l’ultimo cambio per entrambe le squadre: Mazzitelli rileva Hilijemark e Pellissier entra al posto di Leris. Nella parte finale del match il Genoa si limita ad amministrare il risultato e, dopo sei minuti di recupero, può festeggiare una vittoria per 2-0.

Tre successi su tre al Ferraris per la squadra di Ballardini, che si gode l’ennesima grande prova di Piatek in questo inizio di stagione. Molto male il Chievo, che fa un notevole passo indietro sul piano della prestazione rispetto alla gara contro l’Udinese. Questo il tabellino del match:

Genoa-Chievo 2-0

Marcatori: 42’pt Piatek, 9’st Pandev.

Genoa C.F.C.: Radu, Biraschi, Spolli, Criscito; Pereira, Hiljemark (33’st Mazzitelli), Lazovic (29’st Zukanovic), Romulo; Kouamè, Piatek, Pandev (11’st Bessa). A disposizione: Marchetti, Vodisek, Gunter, Rolon, Dalmonte, Sandro, Lakicevic, Medeiros, Favilli. Allenatore: Davide Ballardini.

A.C.ChievoVerona: Sorrentino, Cacciatore, Tomovic (2’st Depaoli), Rossettini, Barba; Rigoni, Radovanovic, Hetemaj (10’st Birsa); Leris (33’st Pellissier), Giaccherini; Stepinski. A disposizione: Seculin, Semper, Jaroszynski, Tanasaijevic, Kiyine, Burruchaga, Pucciarelli, Meggiorini, Djordjevic. Allenatore: Lorenzo D’Anna.

Arbitro: Sig. Fabrizio Pasqua di Tivoli.
Ammoniti: Leris, Criscito, Kouamé, Hetemaj, Pandev, Piatek, Depaoli, Rossettini.