I precedenti: stagione 2015/2016, Chievo-Lazio 4-0

Goleada gialloblù alla Lazio, gol e giocata di alta scuola.
29.11.2018 10:00 di Paolo Lora Lamia  articolo letto 128 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
I precedenti: stagione 2015/2016, Chievo-Lazio 4-0

Una giocata ad effetto durante un poker di fine estate. Sfogliando l’album dei ricordi  di Chievo-Lazio, il precedente che evoca maggiori emozioni è quello della stagione 2015/2016. Una larga vittoria per 4-0, uno dei migliori primi tempo della storia gialloblù, ma soprattutto la partita del colpo di tacco di Meggiorini.

Un match che nei primi minuti sembrava dovesse andare in ben altra maniera, dato che un super Bizzarri fece gli straordinari respingendo le conclusioni di Candreva e Keita. Scampato il pericolo, ecco che comincia lo show del Chievo: il primo acuto è di Meggiorini, che riceve palla da Birsa sulla trequarti, si gira e deposita il pallone alle spalle di Berisha aiutato da una deviazione di Gentiletti. Un gol che tuttavia non basta a spegnere le speranze laziali. Per riuscire in questo intento serve un gesto non scritto nel copione: a ciò pensa l’autore del vantaggio Meggiorini. Sugli sviluppi di un corner per il Chievo la difesa della Lazio spazza via, Gobbi prova a rimettere in mezzo di prima intenzione, ma sbaglia la misura del cross e la palla sembra destinata ad uscire. Sembra, perché il numero 69 clivense riesce a tenerla in gioco con un geniale colpo di tacco, servendo alla perfezione Paloschi che, di testa, segna da due passi. Una giocata che fa impazzire il popolo gialloblù ammutolendo, allo stesso tempo, i rivali biancocelesti. Il primo tempo da sogno del Chievo non è ancora finito dato che, poco prima dell’intervallo, Birsa segna su punizione piazzando il pallone dove Berisha non può proprio arrivare. Dopo una prima frazione di gioco così, qualunque squadra faticherebbe a reagire. Ci prova Parolo colpendo il pallone di testa su cross di Basta, ma Bizzarri è in giornata di grazia e mantiene la porta inviolata. Nella parte finale del match c’è spazio per un’altra azione orchestrata dai tre tenori clivensi: sponda di testa di Meggiorini per Birsa, che si incunea nella difesa clivense mandando Paloschi a tu per tu con Berisha. Il numero 43 non si lascia sfuggire l’occasione e firma il 4-0. 

Una vittoria indiscutibile dunque, una delle più larghe conquistate dal Chievo in Serie A. Tante emozioni da ricordare ma, su tutte, la sliding door che spicca è il colpo di tacco di Meggiorini. Un mix di tecnica, tenacia e sana follia calcistica determinante per quel bellissimo successo clivense.