I precedenti, stagione 2005/2006: Sampdoria-Chievo 1-2

Nel 2005 la prima vittoria in Serie a del Chievo a Genova contro la Sampdoria.
25.12.2018 10:00 di Paolo Lora Lamia  articolo letto 156 volte
© foto di Federico De Luca
I precedenti, stagione 2005/2006: Sampdoria-Chievo 1-2

Quella genovese sponda Sampdoria non è mai stata una trasferta facile per il Chievo, che ha totalizzato solo 2 vittorie in 13 confronti al Ferraris contro i doriani in massima serie. La prima vittoria rissale addirittura alla stagione 2005/2006: era il Chievo di Bepi Pillon, partito per salvarsi con meno sofferenze rispetto all’anno precedente e poi protagonista di una delle più esaltanti stagioni della storia gialloblù.

In quel campionato, doriani e clivensi si affrontarono a Marassi alla 5^ giornata. Una sfida tra due squadre che avevano iniziato alla grande il campionato, con i blucerchiati a 9 punti e i veneti dietro di tre lunghezze. Se la formazione di Novellino stava confermando quanto di buono aveva fatto vedere l’anno precedente, concluso al quinto posto, i rivali veronesi stavano invece sorprendendo tutti per gioco e risultati. Il momento magico del Chievo prosegue in quella partita, dato che sono gialloblù a portarsi in vantaggio al minuto 36’ con Daniele Franceschini. Inizio di stagione da sogno per l’esterno di centrocampo, al terzo sigillo in campionato in 5 giornate. La Samp non si perde d’animo e 5 minuti dopo l’inizio della ripresa, pareggia grazie ad uno dei suoi uomini di maggior qualità: Francesco Flachi. La vittoria sembra prendere la strada di Genova e invece, al minuto 60’, sale in cattedra Victor Obinna: giovane attaccante nigeriano arrivato in estate dall’Enyimba via Inter. Schierato titolare a sorpresa da Pillon, il talento africano ripaga la fiducia del suo tecnico saltando tutta la difesa doriana e depositando il pallone alle spalle di Antonioli. Si tratta del primo gol in massima serie per Obinna, che regala i tre punti al Chievo.

Un successo che dà ulteriore autostima alla formazione di Pillon, protagonista di un grande campionato concluso al settimo posto (tramutato in quarto, con annessa qualificazione ai preliminari di Champions League, grazie ai fatti di Calciopoli).