VERSIONE MOBILE
 
 Lunedì 16 Gennaio 2017
IL MERCATO ESTIVO È TERMINATO: QUAL È STATO IL MIGLIOR COLPO DEL CHIEVO?
  
  
  
  
  

EDITORIALE

UNA SCONFITTA A BERGAMO NON ROVINA CERTO UN'ANNATA STRAORDINARIA. QUALE SARA' IL FUTURO DI MARAN?

Considerazioni sulla sconfitta contro l'Atalanta e sul futuro di Maran.
25.04.2016 16:45 di Paolo Lora Lamia  articolo letto 400 volte
© foto di Federico De Luca
UNA SCONFITTA A BERGAMO NON ROVINA CERTO UN'ANNATA STRAORDINARIA. QUALE SARA' IL FUTURO DI MARAN?

Dopo sei risultati utili consecutivi, il Chievo è tornato ad assaporare il gusto amaro della sconfitta perdendo a Bergamo per 1-0 contro l'Atalanta. Una partita bloccata, come era nelle aspettative e come è stata anche la gara di andata, e decisa da una rete nel secondo tempo di Borriello (più volte decisivo contro i gialloblù). Come ha sottolineato con grande onestà intellettuale Massimo Gobbi al termine della partita, la squadra di Maran non ha interpretato la partita bene come aveva fatto nelle precedenti esibizioni. Nel primo tempo c'è stata tanta battaglia a centrocampo e, sul piano del vigore e della fisicità, i gialloblù - guidati da un instancabile Hetemaj - non si sono certo risparmiati. Le azioni offensive però sono state davvero poche, con gli attaccanti spesso lasciati soli contro l'arcigna difesa atalantina e i centrocampisti e i terzini che non hanno accompagnato con grande continuità i tentativi clivensi di creare pericoli in avanti, come ha sottolineato Maran dalla panchina fin dai primi minuti. Nel secondo tempo la musica non è cambiata e, al miuto 55', l'Atalanta si è portata in vantaggio con Borriello. La rete subita ha risvegliato dal torpore la squadra veronese, che ha reagito più con impeto che con logica. Il Chievo infatti si è presentato in diverse occasioni vicino all'area di rigore avversaria ma raramente ha messo in mezzo palloni pericolosi e neanche l'espulsione di Gomez ha modificato il canovaccio dell'incontro. Alla fine gli uomini di Reja hanno festeggiato una vittoria meritata, che ha consentito loro di raggiungere con tre giornate d'anticipo la permanenza in A. La formazione di Maran invece ha perso un'occasione per continuare a cullare il sogno europeo, ma a questo punto le critiche per il k.o. di ieri finiscono. A quattro partite dal termine della stagione e dopo aver dimostrato di volere fortemente la vittoria nonostante la salvezza raggiunta ormai da tempo (i successi contro Palermo, Carpi e Frosinone ne sono un esempio lampante), un passo falso ci può anche stare e può essere visto quasi come un fatto positivo, dato che ora il Chievo avrà voglia di rifarsi a partire dal prossimo incontro in casa con la Fiorentina. La pazza idea di raggiungere la qualificazione in Europa League è ormai diventata un'utopia, ma raggiungere quota 50 punti (sarebbe la prima volta da quando il Chievo è tornato in massima serie nel 2008) o addirittura superare il record di punti realizzato in un campionato di Serie A (55 in assoluto, 54 se si considerano solo i tornei a 20 squadre) sarebbe comunque una grandissima soddisfazione.

Archiviata una stagione che può regalare quindi ancora qualche soddisfazione, il presidente Campedelli dovrà sedersi ad un tavolo con Maran e programmare il futuro. L'ex tecnico del Catania ha ancora due anni di contratto con il Chievo più un'opzione per altri due e non ha mai manifestato la volontà di lasciare Verona, ma sia lui che il presidente sanno benissimo che al momento on ci sono certezze sul suo futuro. In un'intervista di qualche settimana fa, il patron gialloblù ha dichiarato: "Con Maran può aprirsi una bella storia, ma non so quanto durerà. Non parliamo di ciclo, i giocatori e gli allenatori vanno e vengono". Il mister invece, recentemente ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, ha sottolineato la durata del suo contratto e che al momento è concentrato sul finale di stagione, ma anche che gli scenari possono cambiare. Non mancano certo le richieste per Maran: nel corso di questi mesi si è parlato di Sassuolo - che poi ha rinnovato con Di Francesco -, di Torino, Atalanta e, soprattutto negli ultimi giorni, di Fiorentina. Se la squadra viola non dovesse prolungare il suo rapporto con Paulo Sousa e dovesse pensare proprio all'attale tecnico del Chievo, sarebbe un'opportunità veramente difficile da rifiutare. Si tratta comunque al momento solo di un'ipotesi e ciò che può far stare un po più traquilli i tifosi clivensi è che anche lo scorso anno non mancavano le richieste, ma poi Maran è rimasto. La speranza è che questa vicenda, in un senso o in un altro, si concluda il più velocemente possibile. In caso di permanenza a Verona, Maran avrebbe l'opportunità di migliorare ulteriormente - partendo comunque con umilità e con l'ennesima salvezza con obiettivo - lo splendido complesso di squadra che ha allestito nell'ultimo anno e mezzo, consentendo magari alla tifoseria clivense di sognare come ai tempi del "Miracolo Chievo".

 

 


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie
 

IL CHIEVO DEVE ANDARE OLTRE I SUOI LIMITI (E OLTRE LE POLEMICHE...)

IL CHIEVO DEVE ANDARE OLTRE I SUOI LIMITI (E OLTRE LE POLEMICHE...)Contro il Torino il Chievo è tornato ad assaporare il gusto amaro della sconfitta dopo la vittoria casalinga contro il Cagliari. Un passo falso arrivato dopo una prestazione buona e dopo una partita nella quale alcuni episodi arbitrali non hanno sorriso alla squadra d...

INTER, ICARDI: "GRANDE GARA FIN DALL'INIZIO, PIOLI STA LAVORANDO BENE"

Inter, Icardi: "Grande gara fin dall'inizio, Pioli sta lavorando bene"Mauro Icardi, attaccante dell’Inter, ha parlato a Sky Sport dopo la vittoria sul Chievo: “Non credo sia...

FLORO FLORES OBIETTIVO DI UN CLUB DI B

Floro Flores obiettivo di un club di BTra i giocatori che potrebbero presto lasciare il Chievo c'è Antonio Floro Flores, attaccante che non ha trovato...

CONFENTE E VIGNATO CONVOCATI IN NAZIONALE

Confente e Vignato convocati in NazionaleDoppia convocazione in Nazionale per due ragazzi del Settore Giovanile gialloblù. Il portiere Alessandro...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 16 Gennaio 2017.
 
Juventus (-1) 45
 
Roma 44
 
Napoli 41
 
Lazio 40
 
Inter 36
 
Milan (-2) 36
 
Atalanta 35
 
Fiorentina (-1) 30
 
Torino (-1) 29
 
Cagliari 26
 
Chievo Verona 25
 
Udinese 25
 
Sampdoria 24
 
Genoa 23
 
Bologna (-1) 23
 
Sassuolo 21
 
Empoli 18
 
Palermo 10
 
Crotone (-1) 9
 
Pescara (-1) 9

   Tutto Chievo Verona Norme sulla privacy | Cookie policy   
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI