Hellas-Chievo: la partita vista da Tuttohellasverona.it

Il collega di Tuttohellas Brigi ha parlato del derby ai microfoni di TCV.
09.03.2018 14:00 di Paolo Lora Lamia  articolo letto 303 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Hellas-Chievo: la partita vista da Tuttohellasverona.it

Domani sera andrà inscena il derby di Verona: sfida importante per la supremazia cittadina e, questa volta, anche per la classifica. Per parlare della sfida tra Hellas Verona e Chievo, la redazione di Tuttochievoverona.it ha intervistato Enrico Brigi, collega di Tuttohellasverona.it.

L'ultimo periodo del Verona è stato (per usare un eufemismo) altalenante, con due belle vittorie divise da tre brutte sconfitte. Come arriva la squadra di Pecchia a questo derby?

"Dopo la vittoria interna con il Torino la squadra di Fabio Pecchia ha "accorciato" le distanze sulla zona salvezza - la quart'ultima piazza occupata dalla Spal dista ora solamente quattro lunghezze - ritrovando maggior convinzione nei propri mezzi. In attesa del recupero dello scontro diretto con il Benevento, punterà sicuramente al massimo della posta. Un pari potrebbe servire a gran poco".

La stagione del Verona è stata tribolata fin dalle prime giornate. L'ambiente aveva il sentore già in estate che poteva essere un'annata del genere oppure le aspettative erano più alte e sono state deluse?

"Dopo la promozione in serie A le aspettative della tifoseria erano sicuramente altre, tuttavia una campagna acquisti "a basso costo", caratterizzata da poche luci e molte ombre non lasciava presagire nulla di buono. Nonostante i risultati particolarmente deludenti e le forti contestazioni, la società ha sempre mantenuto una posizione ferma nei confronti della guida tecnica rispedendo ogni volta al mittente le voci di un possibile esonero. Ora, quando mancano dodici partite al termine del torneo,  i gialloblù coltivano ancora qualche debole speranza di salvezza. In ogni caso i conti si faranno solamente alla fine".

Come viene visto sulla sponda scaligera il difficile momento del Chievo, reduce da un periodo decisamente negativo dopo un bell'avvio di stagione?

"La squadra di Maran dopo un periodo di crisi - tre punti in 10 partite - ha ritrovato un po' di serenità battendo il Cagliari ma perdendo poi a Firenze. La miglior classifica - 25 punti contro i 19 del Verona - consente ai clivensi di affrontare il derby con un pizzico in più di tranquillità. Dopo il 3-2 dell'andata il Chievo cercherà di ottenere un'altra vittoria - i tre punti gli permetterebbero di mettere una mini-ipoteca sulla salvezza - ma potrebbe anche accontentarsi di un pareggio. Per l'Hellas, comunque, un avversario sicuramente da non sottovalutare".

Quali saranno i giocatori del Chievo da temere maggiormente in vista di sabato sera?

"Sicuramente Inglese, voglioso di contribuire alla salvezza della propria squadra prima di spiccare il volo per Napoli. Non dimentichiamo, però, Giaccherini che - rientrato velocemente da un'infortunio - rappresenta il vero valore aggiunto in grado, anche entrando a partita in corso, di cambiare gli equilibri in campo".

Una mancata vittoria nel derby può essere fatale nella corsa salvezza?

"Come detto prima il Chievo potrebbe, tutto sommato, accontentarsi anche di un pareggio. La sconfitta, invece, lascerebbe spazio a scenari futuri alquanto preoccupanti".

Un pronostico sul derby?

"Il derby rappresenta per antonomasia la partita aperta a qualsiasi risultato dove saranno come sempre gli episodi a farla da padrona. L'auspicio è quello di assistere ad una bella partita e poi.... che vinca il migliore".