ESCLUSIVA TCV - Pannone (CanaleSassuolo): "Serve una reazione, il campionato inizia col Chievo"

Le parole del collega di CanaleSassuolo Pannone sulla sfida di domenica tra Sassuolo e Chievo.
 di Paolo Lora Lamia  articolo letto 157 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
ESCLUSIVA TCV - Pannone (CanaleSassuolo): "Serve una reazione, il campionato inizia col Chievo"

Domenica il Chievo è atteso da una sfida decisamente da non sottovalutare, contro un Sassuolo che vuole svoltare dopo un avvio di campionato incerto. In vista della sfida contro i neroverdi, la redazione di Tuttochievoverona.it ha intervistato in esclusiva Gaetano Pannone, collega di CanaleSassuolo.it.

Nell'ultimo turno prima della pausa per le Nazionali, il Sassuolo ha rimediato un pesantissimo 6-1 contro la Lazio. Qual è l'umore in casa neroverde?

"C'è amarezza per i tanti gol subiti, sei gol li prendi solo se hai la testa altrove. Nei primi 45' abbiamo tenuto testa alla Lazio, trovando il gol del momentaneo vantaggio e in più occasioni siamo andati vicinissimi al gol del 2-1. Nessuno si sarebbe mai aspettato quel secondo tempo: due infortuni nello stesso ruolo, un cambio di modulo imprevisto, un 4-4-2 strano ed inedito hanno portato alla pesante disfatta. Bruciano ancora i due 7-0 subiti dall'Inter, ma la squadra ha dimostrato di sapere reagire e cambiare rotta, speriamo in una reazione già nella partita di domenica contro il Chievo".

In questi giorni si è parlato di un possibile esonero di Bucchi in caso di risultato negativo contro il Chievo. Quanto c'è di vero in queste voci e quali potrebbero essere i possibili sostituti di Bucchi?

"Penso che siano solo voci, era prevedibile un periodo di rodaggio. Bucchi al momento gode della fiducia della società e della squadra. Guardano il calendario, nelle prossime tre partite affronteremo squadre che come noi lottano per la salvezza (Chievo, Spal, Udinese), il nostro campionato comincerà domenica. Sarebbe un grave errore esonerare Bucchi in questo momento, il mister deve sicuramente fare di più, ma putargli il dito contro sarebbe improduttivo. Il mercato ha fortemente indebolito la rosa, ma nonostante questo, con gli elementi che abbiamo a disposizione, non siamo una squadra da quart'ultimo posto in classifica".

La doppia sconfitta contro il Chievo nello scorso campionato può rappresentare un'ulteriore motivazione per conquistare a tutti i costi i tre punti?

"Domenica abbiamo a disposizione un solo risultato: la vittoria. Il Sassuolo deve ritrovare la fiducia iniziando a fare punti e soprattutto i gol. Una nuova sconfitta inizierebbe a rendere la classifica davvero preoccupante. Mi aspetto una reazione, ma non sarà una gara semplice, il Chievo arriva da quattro risultati utili e due vittorie consecutive, ha dimostrato di avere un buon gioco e ha importanti qualità individuali".

Quale potrebbe essere la formazione mandata in campo da Bucchi domenica al Mapei Stadium?

"Il 3-5-2 di Bucchi è sicuramente più stabile del 4-3-3 che ci aveva abituato Di Francesco, il problema è che fino a questo momento non ha portato grandi risultati. Domenica Bucchi potrebbe riproporre nuovamente la difesa a tre con Cannavaro, Acerbi e forse potremmo vedere per la prima volta Goldaniga; a centrocampo torna Magnanelli che ha scontato il turno di squalifica contro la Lazio, Duncan, Sensi, Lirola e Adjapong; in attacco potremmo rivedere la coppia Berardi e Matri".